Home REDAZIONE PRIVACY ACADEMY EDITORIALE CYBER DATA PROTECTION

CYBER DATA PROTECTION

278
0

Come i Consensi impattano su Business e Marketing

Il 95% del peso economico delle sanzioni è legato ad illeciti su dati personali e consensi.
L’innesco della sanzione spesso parte da una contestazione del cliente che da opportunità per l’azienda si trasforma in minaccia.
Ciò nonostante le aziende sembrano ancora ancorate agli aspetti formali del GDPR con un’evidente difficolta a mettere a terra, nei trattamenti di tutti i giorni, le promesse fatte sulla “documentazione della Privacy”.
La parte sostanziale del GDPR, che i Garanti stessi sollecitano dal 2016 come il concreto mezzo per la tutela del cittadino (quasi a doverci ricordare che nel carte ben riposte nei cassetti non proteggono nessuno se non diventano timone delle azioni), trova spazio nella Cyber Data Protection.

Per l’azienda, Cybersecurity e Cyber Data Protection hanno la stessa missione: proteggerla dalla perdita di denaro e reputazione. Ma, mentre nella Cybersecurity il nemico è noto (l’hacker), nella Cyber Data Protection la criticità è più subdola, potendo essere rappresentata anche dallo stesso cliente che, attraverso azioni aggressive, può trasformarsi in una minaccia.
Nonostante ciò, se oggi nessuno si sognerebbe mai di utilizzare strumenti di cybersecurity non specifici o addirittura fai-da-te, è proprio quello che ancora succede in azienda per la Cyber Data Protection, ad esempio con la (mala) gestione dei Consensi con il CRM.
Il CRM è uno straordinario strumento per marketing e forza vendita, ma è progettato per sfruttare i dati personali, non per proteggerli. Gestire la privacy dei propri clienti con il CMR non è mai una buona idea. La confusione in azienda nasce dal fatto che il CRM, come anche altri strumenti di marketing automation utilizzati ingenuamente (o incoscientemente) come “Punto di Verità dei Consensi” (MailChimp, Hubspot, GetResponse, ActiveCampaign…) non gestiscono Consensi ma “Opzioni”. Le opzioni sono semplici flag utili al marketing per filtrare i destinatari delle attività di marketing, per contro i Consensi sono veri e propri Certificati legali della Privacy con molte più informazioni e Prove di Genuinità a corredo.
Come per la Cybersecurity, anche per la Cyber Data Protection è fondamentale utilizzare soluzioni specifiche al fine di tutelare l’azienda (e naturalmente il Cittadino, anche se questo aspetto è molto meno cool nelle trattative)

Alcuni argomenti trattati:

  • Cos’è la Cyber Data Protection
  • Cybersecurity e Cyber Data Protection: il nuovo perimetro cybercritic da presidiare
  • Zero-party data: fare marketing nell’era cookieless
  • Sfide e criticità per le aziende: data retention, rolling-consent della profilazione, diritto all’oblio, data mapping, basi giuridiche oltre al consenso, ecommerce e gestione dei consensi su marketing omnichannel, gestione “a silos” dei dati tra aziende dello stesso gruppo, dialogo tra DPO/legal e Marketing/ICT, raccolta dei Consensi in fiere ed eventi…
  • Come oggi le aziende (non) stanno gestendo i Consensi
  • Perché il CRM (e tutti gli strumenti di marketing) non possono gestire i Consensi
  • Presentazione di PrivacyOS, in assoluto la prima e più completa piattaforma in cloud di Cyber Data Protection per la gestione dei Consensi e di tutti gli eventi della Privacy
  • Presentazione di alcuni casi concreti
  • Q&A

Alcuni argomenti certamente NON trattati:

  • Coockie (neppure cenni, è un tema molto tecnico, vasto e soprattutto critico sul quale preferiamo non entriare mai)
  • Aspetti formali del GDPR (qui gli esperti siete voi! Su quest’area noi rimaniamo il più possibile laici e collaborativi, avendone viste di tutti i colori… Nei limiti dell’accountability e della responsabilità professionale che ci compete, naturalmente)

Ing. Giuseppe Ricci | Active121 e PrivacyOS

Titolare di Active121, società legal-tech specializzata nello sviluppo di soluzioni di Cyber Data Protection, che ha sviluppato  PrivacyOS, la prima soluzione Cyber Data Protection in cloud per la gestione dei Consensi e dei dati personali. Ha lavorato nella formazione anche universitaria per più di 20 anni, è stato ICT manager e consulente informatico come software architect per soluzioni di digital marketing per molte aziende. Oggi è consulente e speaker su temi relativi a Compliant Digital Marketing e Cyber Data Protection.