Wired.it – Smartphone App e Privacy

Tutti noi utilizziamo quotidianamente molte applicazioni. I nostri smartphone sono pieni di app che ci agevolano e ci forniscono un valido supporto in relazione alle nostre esigenze. Molte applicazioni le scarichiamo stando sempre più attenti (o almeno dovremmo esserlo) alle richieste di accesso alle nostre informazioni (foto, rubrica, videocamera) che spesso nulla hanno a che fare con il servizio che stiamo installando, ma molte altre le troviamo già pre-installate sui nostri cellulari e sono proprio queste app che, oltre a raccogliere i dati in modo indiscriminato senza darcene notizia, possono introdurre vulnerabilità.  Lo scorso 9 gennaio, i ricercatori dell’azienda di sicurezza Malwarebytes hanno individuato due malware pre-installati su smartphone che vengono venduti a 35 dollari nell’ambito di un programma finanziato dal governo statunitense. Entrambi i malware erano inclusi sotto forma di app pre-installate per le Impostazioni e i Wireless Update. Una soluzione a questo problema è data dalla device neutrality, ossia la possibilità di disinstallare softwares che non siano fondamentali per le funzioni primarie degli smartphone e vieta la possibilità di limitare ingiustamente la capacità dei consumatori di installare altri softwares, ma ad oggi mancano in Italia norme che proteggano la neutralità dei nostri dispositivi. 

Avv. Daniela Di Leo